Blog - Bio Home Roma
Blog, Edilizia

Detrazione per ristrutturazione 2018

Buone notizie per tutti coloro che hanno intenzione di ristrutturare il proprio immobile. Anche per l’anno in corso, infatti, sono stati confermati gli incentivi fiscali sulle opere di ristrutturazione edilizia. L’iniziativa, nata con il chiaro intento di voler favorire i possessori di immobili che mostravano l’intenzione di riqualificare la proprietà, è stata accolta con un successo sempre crescente da parte del pubblico.
La forte spinta al rinnovamento e all’ammodernamento degli spazi urbani grazie alla detrazione per ristrutturazione non sembra quindi destinata ad arrestarsi. Scopriamo di più nel nostro articolo.

Detrazione per ristrutturazione nel 2018: cosa c’è da sapere

Anche per l’anno in corso dunque la detrazione per ristrutturazione è quindi ancora alla portata della maggior parte di noi. Per tutta la durata dell’anno in corso sono moltissimi vantaggi per tutti coloro che scelgono di rimodernare il proprio immobile. Scopriamo assieme come accedere alla detrazione per ristrutturazione e quali sono le soglie economiche interessate dall’iniziativa.
La detrazione per la ristrutturazione ammonta al 36% delle spese che vengono sostenute per degli investimenti che non superano i quarantotto mila euro per singola unità immobiliare. Quali sono gli interventi coinvolti in quello che viene definito uno dei più importanti bonus edilizi della storia recente? Le detrazioni che rientrano in questo spettro coinvolgono principalmente interventi di restauro di immobili fatiscenti, nonché azioni che possono considerarsi di risanamento a carattere conservativo.
Nonostante questi dati siano ricavati direttamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate, abbiamo assistito nel periodo compreso tra il giugno 2012 e il 31 dicembre 2018 alla possibilità di usufruire di una detrazione per ristrutturazione ben più elevata. La percentuale dei rimborsi infatti arriva a coprire la metà dell’investimento iniziale, ossia il 50% delle spese sostenute per rinnovare il proprio immobile. Inoltre, raddoppia il massimale degli importi che possono accedere ai rimborsi: questo significa che il limite massimo delle spese ammonta a novantasei mila euro.

 

COME DEVE ESSERE RIPARTITO L’IMPORTO DELLA DETRAZIONE?

ESSA VIENE RIPARTITA IN DIECI QUOTE CHE VENGONO AMMINISTRATE CON CADENZA ANNUALE E DEVONO ESSERE DI PARI IMPORTO.

 

Oltre alla detrazione per ristrutturazione: il bonus verde

Il bonus che prevede la detrazione per strutturazione rimane quindi completamente inalterato anche per il 2018, sia per quanto riguarda gli importi, sia per i requisiti necessari e le possibilità di fruizione. In sostanza, le detrazioni interessano tutti quegli interventi di ristrutturazione edilizia che coinvolgono parte o tutto un edificio e vengono realizzati a carico di soggetti quali eseguiti cooperative o imprese edilizie. In forma totalmente indipendente da quel che costituisce il valore effettivo dell’intervento che è stato eseguito, chi possiede o risulta assegnatario della casa in questione ha l’obbligo di calcolare l’importo della detrazione per ristrutturazione su quel che si considera un importo a titolo completamente forfetario. Questo importo ammonta a un quarto (ossia il 25%) del valore di vendita dell’immobile, Iva compresa.
Inoltre, una delle novità introdotte grazie alla Legge di Bilancio del 2018 riguarda il cosiddetto bonus verde, un nuovo tipo di agevolazione fiscale che è interamente volta a riqualificare gli spazi verdi urbani. Questo implica che è prevista una detrazione del 36% sugli importi di tutte le spese che vengono sostenute per migliorare o riconvertire giardini, balconi e terrazzi. Il bonus verde comprende sia ambienti privati sia ambienti condominiali e prevede un massimo di importo detraibile di cinque mila euro.
Oltre a quanto abbiamo visto all’interno del nostro approfondimento, se hai bisogno di qualsiasi informazione aggiuntiva è possibile visitare in qualsiasi momento il sito dell’Agenzia delle Entrate, che ti fornirà tutte le informazioni utili a tal proposito e dove potrai far domanda di rimborso.